World Usability Day

Quest’anno SIE Piemonte - Società Italiana di Ergonomia e Fattori Umani (SIE) lancia i World Usability Days. 

Il tema, sfidante e più che mai aperto, ha portato tante persone, ricercatori, professionisti, imprese, tra cui molti Ergonomi SIE, a proporre temi, prospettive, interventi, esperienze. 

I WUD sono diventati 4 eventi, organizzati in collaborazione delle Sezioni Territoriali SIE: Lombardia-Ligura, Emilia Romagna e Umbria-Marche.

L'evento in Piemonte è il 12 novembre 2020 con questo programma:

14.30 – 15.00 Apertura a cura di SIE Piemonte e Città di Torino.

15.00 – 15.30 Don Luca Peyron “La macchina per l’uomo e non l’uomo per la macchina: per una intelligenza artificiale amica”.

15.30 – 16.00 Emanuela Girardi

16.00 – 16.30 Alessandro Longo “Intelligenza artificiale: l’impatto sulle nostre vite”.

16.30 – 16.45 Sketchnote cafè a cura di Alessandro Bonaccorsi.

16.45 -  17.15 Gianluca Mauro “Perchè l’intelligenza artificiale ha bisogno di Valori Umani”.

17.15 – 17.45 Debora Bottà “Humanazing AI: approcci e strumenti pratici per sistemi di intelligenza artificiale umani, equi e responsabili”.

17.45 – 18.00 chiusura.

Qui maggiori particolari

Biennale Tecnologia 2020

 Dopo il successo del Festival della Tecnologia organizzato nel 2019 dal Politecnico di Torino per festeggiare i 160 anni dalla sua fondazione, l’Ateneo propone in stretta sinergia con gli attori del territorio un appuntamento stabile dedicato al ruolo decisivo che la tecnologia ha assunto in tutti gli ambiti della vita umana – dalla salute all’ambiente, dai rapporti personali alla stessa democrazia: una Biennale Tecnologia (12-15 novembre 2020) che, organizzata in alternanza con la Biennale Democrazia che a Torino promuove la diffusione di una cultura della democrazia che sappia tradursi in pratica democratica, completi in qualche modo questa riflessione ampliando lo sguardo alle molteplici facce della tecnologia, strumento umano che proprio dall’uomo è creato, ma che in fondo condiziona in modo significativo la vita di ciascuno.

La Biennale Tecnologia sarà dunque una rassegna di ampio respiro per offrire alla cittadinanza una riflessione articolata, inclusiva e accessibile sul sempre più importante tema del rapporto tra tecnologia e società, partendo dalle più recenti innovazioni tecnologiche, ma ricordando anche le radici tecnologiche dell’Italia (con l’auspicio che i grandi risultati del passato, oltre che del presente, possano essere d’ispirazione per il futuro); si discuterà delle implicazioni  – ambientali, etiche, sociali, economiche e geopolitiche – di scelte riguardanti grandi temi tecnologici come l’intelligenza artificiale, l’energia, i trasporti e le telecomunicazioni, e più in generale ci si interrogherà su come governare la tecnologia nell’interesse della collettività.

Il calendario degli incontri comprenderà lezioni, dibattiti, laboratori e mostre con ospiti e relatori internazionali, con un programma caratterizzato da un approccio fortemente interdisciplinare a cui contribuiranno anche i linguaggi della narrativa, del cinema, della musica e delle arti figurative. Verranno inoltre offerti laboratori e momenti didattici, alcuni dei quali specificamente pensati per le scuole primarie e secondarie.

L’Apostolato Digitale e la pastorale universitaria sono stato coinvolti in tre importanti appuntamenti a cui si aggiungono altri eventi di rilievo anche per la compagine ecclesiale. Qui di seguito il calendario specifico.

Tra Medioevo e Novecento: pensiero in dialogo con la rivoluzione digitale
Venerdì, 13 Novembre 2020 – 11:00
Sede Centrale del Politecnico di Torino
Aula 4, corso Duca degli Abruzzi 24, Torino
Amos Corbini, Giovanni Leghissa, Luca Peyron

Che cos’è e come può essere una realtà immateriale? Quale relazione ha uno strumento con le scelte dell’umanità? E con la verità comunicata da Dio? A partire dall’oggi e dal tema delle mutazioni sociali, culturali e filosofiche, il dialogo si snoderà tra Medioevo e tempo presente, chiedendo ai grandi del pensiero medievale di aiutarci a governare le mutazioni tecnologiche che ci portano al futuro. 

Intelligenza Artificiale: questione di vita o di morte?
Domenica, 15 Novembre 2020 – 17:30
Sede Centrale del Politecnico di Torino
Aula 5, corso Duca degli Abruzzi 24, Torino
Margherita Benzi, Barbara Caputo, Luca Peyron, Daniela Regge e Vladimiro Zagrebelsky
modera Marco Mezzalama

Oggi molte attività umane sono supportate da algoritmi. L’Intelligenza Artificiale può costituire un’opportunità senza precedenti nello sviluppo del mondo industriale e della società civile, ma l’utilizzo incauto e non controllato può generare pericoli per la società, la democrazia e l’ordine globale? In campo medico-sanitario cosa può comportare? Bisogna affrontare questi temi nel contesto della medicina, uno dei settori più critici, dal punto di vista tecnologico, etico, giuridico e sociale.

#MigrAction Road To Futurabile

11 novembre 2020 – dalle ore 17.30
Centro Congressi dell’Unione Industriale di Torino (via vela 17)

e in modalità on-line attraverso una piattaforma streaming, ideata ad-hoc, che consentirà agli utenti di poter interagire con gli ospiti.

Il format dell’evento sarà in stile TED Talk, con interventi di 6/10 minuti, da un lato di tipo “esperienziale”, in cui si racconta la propria storia, le abilità che si ritiene di aver sviluppato e gli alibi scardinati nella vita e nel lavoro, mentre dall’altro lato di presentazione della visione su come si reputi possa svilupparsi un percorso personale di successo. Gli ospiti sono persone che possono ispirare e stimolare la platea raccontando le loro esperienze di vita, la loro percezione del concetto di migrazione in ambito economico, digitale, scientifico e sociale:

Paola Pisano (Ministro per l’Innovazione tecnologica e la digitalizzazione)
Paola Maria Azzario (presidente del Centro per l’UNESCO di Torino)
Silvia De Francia (farmacologa clinica e ricercatrice all’Università degli Studi di Torino)
Licia Mattioli (amministratore delegato Mattioli SPA)
Luca Peyron (direttore della Pastorale universitaria di Torino e regionale, coordina il Servizio per l’apostolato digitale)

Etica dell’Intelligenza Artificiale o Etica Umana ?


L’Intelligenza Artificiale
 è una tecnologia, o meglio un insieme di tecnologie, potenti, capaci di trasformare ogni ambito della nostra vita: il lavoro, l’educazione, la medicina, la vita sociale, la democrazia. Questo talora spaventa.

L’Unione Europea ha messo al centro delle proprie strategie la ricerca di una modalità di utilizzo di questi strumenti che porti al benessere dell’umanità. Ma siamo sicuri che questo sia l’obiettivo corretto?

Un evento on line per condividere domande e risposte il 26 novembre dalle 16 alle 18.

Domande e risposte che gli studenti rivolgeranno ad alcuni esperti tra cui don Luca Peyron direttore della Pastorale Universitaria della Diocesi.

L’evento verrà guidato da un gruppo di giovani studenti e studentesse che lo coordineranno sottoponendo domande ad alcuni esperti e commentando le risposte.

STUDENTI E STUDENTESSE

  • Scuola Secondaria di secondo grado – (membri del Progetto RApP – ISIS Gobetti-Volta)
  • Triennio Università – (candidati Young Global Leader – Impactscool)

ESPERTI

  • Piero Poccianti – Presidente dell’Associazione Italiana per l’Intelligenza Artificiale
  • Francesca Rossi – Futuro presidente AAAI, Ai Ethics Global Leader e Membro fondatore di Ibm Research
  • Anna Pettini – Professore associato di Economia Politica (Università di Firenze)
  • Cristina Pozzi – Cofounder e CEO di Impactscool e Young Global Leader del WEF
  • Emanuela Girardi – Founder POP AI | AI Expert at MiSE | Italian Government Consultant
  • Dino Pedreschi – Dipartimento di Informatica (Università di Pisa) | Membro del GPAI Global Partnership on AI
  • Don Luca Peyron – Docente di teologia | Direttore della Pastorale Universitaria e coordinatore dell’Apostolato Digitale

All’evento sarà possibile partecipare solo on line. Tutti coloro che si registreranno, riceveranno qualche giorno prima le istruzioni per il collegamento.

Qui il link per registrarsi

David Cicilline, il deputato che fa tremare i polsi alle big tech (di L. Peyron)

 (di Luca Peyron, Teologo dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, esperto di cultura digitale)

Negli Stati Uniti qualcosa è cambiato, forse per sempre. Un rapporto di 449 pagine della sottocommissione Antitrust della Camera americana è potenzialmente destinato a mutare radicalmente il rapporto con la tecnologia in tutto il pianeta. Il Cicilline Report - dal nome del deputato americano David Cicilline che ha presieduto la commissione - fa tremare i polsi alle grandi compagnie tecnologiche. Amazon, Google, Apple, Facebook non saranno, forse più come prima.

In estrema sintesi il rapporto dice in numeri e lettere quello che tutti sappiamo e che tutti sapevano: la posizione dominante di queste imprese è intollerabile dal punto di vista delle norme sui monopoli e più in generale dalle norme, scritte e non scritte, che regolano i mercati mondiali e la concorrenza. Stiamo parlando di compagnie che hanno cinquemila miliardi di dollari di capitalizzazione in Borsa, la somma del Pil di diverse nazioni.

Molti i passaggi forti e le testimonianze raccolte ove si legge: “Una prevalenza di paura tra gli attori di mercato che dipendono dalle piattaforme dominanti, molti dei quali hanno espresso il disagio che il successo della loro attività e il loro sostentamento economico dipendono da ciò che consideravano un potere arbitrario e inspiegabile delle piattaforme”.

Di per sé il rapporto non ha valore di legge, e non tutti i deputati e senatori lo hanno sottoscritto. Ovviamente protestano le Big Tech, ma il dato culturale resta e il messaggio è forte. Il testo rappresenta un passaggio storico dentro e soprattutto fuori i confini americani poiché in qualche modo legittima anche le altre nazioni a intervenire sapendo di poter essere allineati alla casa madre delle Big Tech.

Perché accade oggi quanto sarebbe potuto accadere anni fa quando le evidenze odierne erano già sotto gli occhi di tutti? La riposta è scritta nella costituzione americana, nelle prime parole: We, the people. È avvenuto un processo culturale diffuso che ha spinto la politica a schierarsi diversamente rispetto al passato. C’è in gioco la fiducia che ciascuno di noi ripone nella democrazia e nei processi culturali. La tecnologia e i suoi epigoni ci hanno in parte relegato al rango di spettatori muti, di utenti bisognosi di beni a basso o nessun costo, disposti a chiudere ben più di un occhio.

La storia della Chiesa insegna che dodici persone, animate da un profondo convincimento, hanno cambiato la storia del mondo. Da credente questo processo è stato accompagnato da un aiuto dall’alto, ma l’analisi storica restituisce comunque l’evidenza che i processi anche complessi stanno nel cuore e nella volontà delle persone. La conoscenza, le decisioni di ordine morale, la condivisione dei saperi e la ricerca del bene comune, nella trasformazione digitale, hanno molte più possibilità di avere impatti globali di quanto possiamo pensare. Come ha scritto papa Francesco nella sua ultima enciclica: “Un Paese cresce quando dialogano in modo costruttivo le sue diverse ricchezze culturali: la cultura popolare, la cultura universitaria, la cultura giovanile, la cultura artistica e la cultura tecnologica, la cultura economica e la cultura della famiglia, e la cultura dei media”. David Cicilline ci dimostra che è vero, che è possibile e sta accadendo. A ciascuno fare in modo che continui a succedere.

Qui il post originale 

Apertura anno Sociale Distretto NORD OVEST Fidapa



 Convegno 24 ottobre 2020  Torino  ” INTELLIGENZA ARTIFICIALE : Le donne saranno protagoniste ?”

INAUGURAZIONE ANNO SOCIALE 2020/2021

CONVEGNO DISTRETTUALE

SABATO 24 OTTOBRE 2020

TORINO
Sala Piemonte – Unione Industriale –
Via Vela 17

 PROGRAMMA

ORE 9.30 REGISTRAZIONE PARTECIPANTI

ORE 10.00 SALUTI ISTITUZIONALI
Stefania Chinellato – Presidente FIDAPA BPW ITALY – Sezione Torino
Antonella Tosi – Presidente Fidapa BPW Italy Distretto NO
Maria Concetta Oliveri – Presidente Nazionale Fidapa BPW Italy

INTERVENGONO:
Rosa Meo – Ingegnere elettronica – Professoressa Associata Università di Torino – Dipartimento di
Informatica – “Intelligenza Artificiale: una minaccia o una promessa per l’umanità?”
Cristina Tumiatti – Presidente Comitato Imprenditoria Femminile CamCom – “Come le PMI devono
prepararsi all’intelligenza artificiale”
Rosalba Morese – Neuroscienziata – “La sfida tra neuroscienze ed intelligenza artificiale si colora di
emozioni”
Monica Cerutti – già Assessora Pari Opportunità Regione Piemonte – “L’Istituto Nazionale per l’IA a
Torino: un’occasione che può fare la differenza”
Valeria Ferrero – Delegata Fondazione Bellisario Regione Piemonte – “L’intelligenza artificiale
aiuterà le donne del futuro ad essere protagoniste?”
Paraskevas Lyberis – Chirurgo toracico Ospedale Molinette – Torino – “L’intelligenza artificiale nella
medicina del futuro”
Anna Lamarca – Past Presidente Nazionale Fidapa Bpw Italy – “Il lavoro del futuro tra robotica,
intelligenza artificiale, skill economy”
Don Luca Giorgio Peyron – Direttore Apostolato digitale – Diocesi di Torino – “Intelligenze dal volto
umano”

MODERA: Eleonora Perrot – socia FIDAPA BPW ITALY Sez. Torino

In collaborazione con FIDAPA BPW ITALY— Sezione Torino Valsusa; Torino-Est; Torino San Giovanni; Pino—Chieri;

Intelligenza Artificiale e Obiettivi di Sviluppo Sostenibile

In occasione dell'Internet Government Forum Italia 2020 nella sessione conclusiva don Luca Peyron interviene e modera il panel su Intelligenza Artificiale ed Obbietivi di Sviluppo Sostenibile. 

Sebbene l'elenco delle sfide sia di gran lunga non completo, una qualche forma di governance è necessaria per evitare effetti negativi dall'applicazione dell'IA. Fino ad ora, ci sono già state molte discussioni a livello nazionale su come dovrebbe essere governata l'IA. Diversi paesi hanno pubblicato strategie nazionali di IA e allo stesso modo quasi tutte le grandi aziende e le ONG hanno pubblicato documenti sulla loro percezione delle buone pratiche di IA.

Qui il programma completo 

8.30 

1

Saluti di Apertura

 Lynn st Amour,  Vint Cerf (Video Registrati)

9.00 

Introduzione

Mattia Fantinati (Consigliere Ministero dell'Innovazione e della Digitalizzazione)

Anna Carbone (Politecnico di Torino) 

9.30 

2

Io e Internet

Giacomo Mariotti (Nesta Italia e NGI, Torino) - Moderatore

 Mario Paolucci (Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali del CNR, Roma) - Facilitatore

 

 

Pausa

10.30  

3

Identità Digitale->My Data, Your Data, Our Data

Concettina Cassa, Agenzia per Italia Digitale - Moderatrice

11.30 

4/5

Sfera Digitale Pubblica->Una Robusta Sfera Digitale

 Gianluca Misuraca (Digital Governance, Technology Diplomacy and Human-Centric AI, Department of eGovernance and Public Administration at the Danube University in Krems, Austria) - Moderatore

 

 

Pausa 

14.30 

6

Esplorare l'Intelligenza Artificiale 

Emanuela Girardi (POP-AI) - Moderatrice

15.00 

7

Intelligenza Artificiale e Obiettivi di Sviluppo Sostenibile

Don Luca Peyron (Direttore della Pastorale Universitaria di Torino e regionale, Servizio per l'Apostolato Digitale dell'Arcidiocesi di Torino)

 

 

Pausa

16.30 

8

Internet e i cittadini 

Giacomo Mazzone (Eurovisioni) - Moderatore

17.15 

9

Valutazioni Finali e Chiusura Lavori

Moderatrice:  Erminia Giorno (Camera di Commercio di Cosenza e  Sistema Camerale)